Il 12 marzo tornerò nella mia postazione: la cucina!

Ho tenuto chiuso il ristorante per due mesi. Sicuramente qualcuno si sarà chiesto il perché di questa lunga pausa… avevo bisogno di rimettere a posto i miei pensieri, ma soprattutto avevo bisogno di ripercorrere quel cammino che tanti anni fa mi ha portato a scegliere e amare quello che considero il lavoro più bello del mondo: “il cuoco”, che ho dovuto “sospendere” a causa della perdita di mia figlia Aurora.

Non è stato semplice riprendere, soprattutto perché ho dovuto lottare contro una sorta di rigetto che mi ha impedito di svolgere qualsiasi attività che richiedesse un minimo di concentrazione. Ho approfittato di questa pausa per riflettere, partecipare a eventi e rincontrare amici, colleghi e clienti, con cui mi sono confrontato e da cui ho avuto un grande sostegno.

Adesso sono pronto a rimettermi nella mia postazione favorita, dietro i fornelli, con spirito diverso, ma con lo stesso obiettivo di sempre: dare il massimo della qualità e del servizio, tenendo ben presente che ciò richiederà fatica e sacrifici, che saranno certamente ripagati dai “consensi” dei nostri clienti.

Sono veramente felice di tornare in cucina e di guidare la mia brigata verso questa avventura che già ci ha portato grandi soddisfazione e che sono sicuro ne porterà molte altre…

Naturalmente ci saranno delle novità, alcune in sala, altre in cucina, senza però grandi stravolgimenti nella nostra carta, nell’esasperata ricerca di abbinamenti o accostamenti improbabili e a volte risicati, secondo i “canoni” del concetto moderno di cucina. Noi continueremo a fare quello che sapevamo e sappiamo fare… cucinare col cuore nel rispetto della stagionalità e della qualità di tutta la materia prima.

bag