L’Infiorata di Noto si gusta da Crocifisso

sld2_1080

Per questo fine settimana di maggio Noto diventa un’esplosione di colori. I fiori rappresentano lo strumento eccellente per dar vita a raffigurazioni e creazioni che ci invidiano da tutta il mondo. A farne da padrona è L’Infiorata, manifestazione che riesce ad attrarre turisti e visitatori da ogni dove e in ciascun angolo del centro storico del comune netino.

L’originalità, la sapienza nelle creazioni, la geometria delle forme, la fantasmagoria dei colori, l’arte insomma, sono elementi incastrati tra di loro. In questo tripudio di festa, anche la cultura gastronomica ha un ruolo di primo piano.

Come ogni anno L’Infiorata è dedicata ad un paese del mondo a cui ispirarsi per le creazioni.

Lo scorso anno il Giappone; per l’edizione 2015 è stata selezionata la Spagna.

Anche il Ristorante Crocifisso ha deciso di dare il proprio contributo, inserendosi nel tema della manifestazione, con la predisposizione per quei giorni di un menu degustazione veramente sui generis.

Innanzitutto l’accoglienza sarà un calice di refrigerante sangria, bevanda che, secondo la cultura spagnola, non può mancare sulla tavola. Lo staff di cucina di Marco Baglieri sta anche predisponendo la preparazione di due piatti tipici della penisola iberica che troveranno una degna collocazione nel menu degustazione che sarà allestito per l’occasione.

L’idea dello chef è di trovare un incastro tra le  tradizioni gastronomiche dei due paesi, esaltando singolarmente ciascuna proposta che, nell’insieme, troverà la giusta sintesi di gusto e sapori.